Come costruire un presepe? La guida utile

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Come costruire un presepePer un Natale all’insegna del fai da te potrai iniziare le tue feste con la decorazione della casa, a partire dall’albero ed al presepe.

Se nella quasi totalità delle case è presente l’abete natalizio, addobbato con palline, lucette e fili colorati, non tutti amano il presepe, ma chi lo apprezza vi si dedica in modo a dir poco maniacale.

Se anche tu fai parte di questa categoria sai come realizzare un presepe in casa possa essere un’operazione laboriosa, che richiede di molte ore di preparazione e progettazione, ma anche di un buon budget, per creare qualcosa che lasci a bocca aperta chiunque passi a trovarti nel periodo natalizio.

La tradizione vuole che il presepe debba essere preparato l’8 dicembre, lasciando la mangiatoia vuota fino alla mezzanotte del 25.

E naturalmente non deve esserci nessuna traccia dei re magi prima dell’Epifania.

Insomma non si tratta di un gioco da ragazzi, ma di qualcosa che va studiato nei minimi dettagli, meglio ancora se insieme a tutta la famiglia.

Cosa serve per realizzare un presepe?

La fantasia, una buona dose di manualità e un po’ di tempo ti saranno indispensabili per realizzare il tuo presepe.

Oltre a questi servono però anche dei materiali, che potrai poi assemblare in base ai tuoi gusti e necessità.

Mentre per i personaggi quasi sempre potrai scegliere tra statuine di varie dimensioni, realizzate in un gran numero di materiali, come la ceramica o la plastica, per la capanna avrai un numero infinito di opzioni.

Costruire da soli una capanna per presepe artigianale è un’operazione che richiede di avere a disposizione alcuni materiali. Ti serviranno:

  • Una base in cartone o sughero
  • Rametti, muschio, paglia e foglie
  • Colla vinilica
  • Forbici
  • Vernici o tempere colorate
  • Carta per realizzare le montagne
  • Figure di pastori e della sacra famiglia
  • Sassolini
  • Luci
  • Accessori vari, come fontane e mangiatoie

Prima di procedere con la costruzione vera e propria del presepe è importante progettarne la composizione.

Preparare il progetto per il presepe

Per costruire un presepe napoletano, o per realizzarne uno più semplice, ma che rispetti la tradizione, e fondamentale che tu parta sempre da una fase progettuale, alla quale dovrai poi far seguire quella fisica.

Quindi armati di carta e penna ed inizia a disegnare.

Non è necessario che tu realizzi un progetto degno di un grande artista e dell’archistar più in voga al momento, ma è importante che questo sia chiaro e ti permetta di organizzare al meglio tutto lo spazio a tua disposizione, posizionando nel modo migliore i corsi d’acqua, le casette e i sentieri.

Tieni presente che il presepe non è un quadro, ma si sviluppa sfruttando il senso della profondità.

Come dividere i piani in prospettiva

Una volta progettato a grandi linee, è arrivato il momento di decidere come organizzarne le strutture, in base ai piani prospettici.

Nel primo ci va tutto quello che deve essere al centro dell’attenzione, in questo caso la capanna della natività, ma anche le case e tutte le altre decorazioni che hanno le dimensioni maggiori.

Il secondo piano, che deve avere un’estensione ridotta rispetto al primo, deve contenere alberi e vegetazione varia, di dimensioni più piccole.

Il terzo piano è quello occupato dalle montagne, dal cielo e da tutto ciò che fa parte del fondale, che va posizionato come prima cosa prima dell’assemblaggio del presepe.

Come assemblare un presepe

Il procedimento della costruzione del presepe è lungo e piuttosto impegnativo.

Dovrai iniziare ritagliando un po’ di spazio fisico per posizionare tutto l’occorrente.

Prendi la base e inizia a decorarla, magari con dei sassolini o del muschio, per creare il piano sul quale posizionerai tutto il resto.

Un volta che avrai finito potrai passare a realizzare gli edifici, come la capanna della natività, o le montagne.

Un’alternativa alla capanna può essere una grotta, utilizzando l’apposita carta o del cartone.

Potrai arricchire l’ambientazione con delle fontane, delle cascate o dei fiumiciattoli, che potrai acquistare o potrai simulare utilizzando dell’ovatta o un piccolo specchio, appositamente mimetizzato. Per fissarle dovrai utilizzare della colla a caldo.

I presepi grandi non rappresentano solo la grotta della natività, ma tutta quanta la città di Betlemme, che potrai realizzare utilizzando anche delle piccole casette, realizzate in cartone o sughero, e successivamente dipinte.

Ma uno dei punti di forza di un bel presepe fai da te sono le luci; i cavi di queste non si dovranno però vedere, quindi dovrai riuscire a mimetizzarle, già durante la fase di assemblaggio del presepe.

Il muschio o un laghetto potrebbero essere la soluzione migliore.

Tutti gli accessori di cui ti o parlato potrai trovarli in commercio già pronti, e potrai usarli per costruire il presepe passo passo, ma se sei una persona particolarmente creativa potrai realizzarli da solo, utilizzando del gesso, della creta e del DAS.

Per risparmiare sul materiale necessario potrai utilizzare ciò che si trova in natura, quindi sabbia presa al mare e non comprata, per simulare le parti di terreno vicino agli specchi d’acqua.

Un volta che avrai deciso quali materiali utilizzare, prima di procedere con l’assemblaggio dovrai tenere presente una cosa importante, cioè la prospettiva.

Non si tratta infatti di qualcosa di piatto, ma di un’ambientazione che si sviluppa con un senso di profondità. Tienilo quindi presente quando posizionerai le casette o gli alberi, dove quelli di dimensioni più piccole dovranno essere posizionati sul fondo e i più grandi in primo piano, per andare così a mettere ancora più in evidenza l’aspetto legato alla profondità di campo.

Seguendo tutte queste indicazioni riuscirai a realizzare un presepe di sicuro effetto che potrai poi completare con altri accessori, come la stella cometa ed i re magi, che sai dovranno arrivare soltanto il 6 di gennaio, per l’Epifania.

Importante, nel montaggio del presepe, è iniziare con la parte del fondale, che avrà il compito di abbracciare tutta quanta la struttura che fa parte del presepe.

Come posizionare i pastori

Quando la creazione del presepe è agli sgoccioli e tutte quante le strutture sono al posto giusto, arriverà il momento di posizionare i pastori.

Questi, che non devono avere mai dimensioni che non rispettino la proporzione dei pezzi che compongono il presepe, devono essere posizionati in modo omogeneo, senza creare sensi di soffocamento o dei vuoti.

Pensa a quella che doveva essere la vita cittadina di 2000 anni fa e regolati di conseguenza.

Costruire un presepe in legno

Fino ad adesso ti ho spiegato come costruire un presepe utilizzando materiali tradizionali, ma per realizzare qualcosa di veramente particolare potresti crearne uno in legno.

Questo è un lavoro adatto solo a chi sa già lavorare il legno e necessita di avere a disposizione, oltre che vari scalpelli, anche della balsa, un legno facile da lavorare, tanto da poter essere tagliato anche con un cutter.

Per la realizzazione di un presepe in legno è ancora più fondamentale un’accurata progettazione, aiutandoti anche con disegni tracciati direttamente sulla superficie del legno.

Un pezzo che sia alto 70 cm e lungo 1,5 m ti sarà sufficiente per realizzare la capanna, con due casette vicine ed inserire anche un gregge di pecore.

Una volta che il legno sarà stato tagliato e sagomato potrai arricchire il tuo presepe colorandolo e aggiungendo muschio, sassolini e qualsiasi altra cosa tu reputi necessaria, oltre a qualche personaggio.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Condividi

Nessun Commento

Aggiungi il tuo